CHIAMATI AD ESSERE MISSIONARI

La formazione di un Gruppo Missionario Parrocchiale

Una Parrocchia attenta alla Missione… Perché? Come? Con quali iniziative? E io, che posso fare?

“La missionarietà deve costituire la passione dì ogni cristiano: passione per la salvezza del mondo e ardente impegno per instaurare il regno del Padre” (Giovanni Paolo II).

Perché un “gruppo missionario” nella nostra parrocchia?
Se ci diciamo cristiani, non possiamo dimenticare l’aspetto missionario, dell’annuncio del Vangelo a tutti: consapevoli di aver ricevuto, con la fede, un dono prezioso, ma anche una grande responsabilità, un dovere di testimonianza e di annuncio a tutti gli uomini; è il compito che Gesù stesso ha affidato a tutta la Chiesa, con le Sue ultime parole: “Andate in tutto il mondo e portate il messaggio del Vangelo a tutti gli uomini”.

Per rispondere a questo mandato, in ogni parte del mondo, quasi sempre in condizioni di grande disagio, spendono la loro vita i tanti missionari, religiosi e laici, impegnati con totale dedizione nella promozione umana e cristiana dei popoli. Sono testimoni che camminano insieme ai poveri del mondo, per condividere la loro storia e il loro destino di figli di Dio, fino a raggiungere, molte volte, l’eroismo e il martirio.


E Tu, che puoi fare?

  • Puoi impegnarti a conoscere di più il mondo missionario e i suoi problemi, attraverso il contatto diretto con chi è in prima linea. Abbiamo molto da imparare, se allarghiamo lo sguardo oltre la nostra casa, la nostra città; possiamo cercare di sentire come più nostre le sofferenze e le privazioni infinite di tanta parte dell’umanità.
  • Puoi provare ad essere più vicino ai nostri missionari o ai laici, con l’amicizia, la preghiera, lo scambio epistolare.
  • Puoi migliorare anche l’aspetto del sostegno economico, estremamente necessario, vivendolo come un impegno costante, di restituzione e redistribuzione dei beni che abbiamo ricevuto per il solo fatto di essere nati nel primo mondo; e di conseguenza, scegliere uno stile di vita sobrio.
  • Puoi cercare di essere tu stesso testimone e annunciatore del Vangelo nel piccolo mondo della tua vita
    quotidiana.


COSA SI PROPONE IL GRUPPO MISSIONARIO PARROCCHIALE?

  • Sostenere progetti concreti.
  • Sensibilizzare e diffondere nella comunità i principi alla base del commercio equo e solidale.
  • Raccogliere fondi, tramite l’organizzazione di manifestazioni socio-culturali, da inviare ai missionari e ai laici impegnati nei progetti.

In particolare vogliamo essere concretamente vicini all’opera dei Missionari della Consolata a Gambo, in Etiopia, dove in passato hanno vissuto ed operato due nostri coparrocchiani, Emanuela e Fabio.


NEL CONCRETO… IL MERCATINO EQUO E SOLIDALE

Con scadenza mensile dopo le messe festive e prefestive, sia a S. Egidio che a S. Maria della Scala, potrete acquistare i prodotti del commercio equo e solidale (caffè, thè, riso, zucchero, biscotti, etc .. ) del consorzio CTA Altromercato (in collaborazione con la Bottega Altromercato di Trofarello).
Una parte dei proventi della raccolta è proprio destinata all’Etiopia, all’Asilo gestito dalle Suore della Consolata a Gambo.

Madre Teresa di Calcutta diceva:
“Se voltiamo le spalle a coloro che non hanno voce, voltiamo le spalle a Cristo, perciò ciascuno di noi è chiamato a prestare le proprie mani a Cristo nei poveri vicini o lontani, poveri materialmente o spiritualmente, affamati di amore e di amicizia”.

Il gruppo missionario è una proposta per tutti coloro che lo desiderano, vi aspettiamo!!!

immagine